Hotel Americano – New York

“Hotel Americano” – A Chelsea un albergo di design che mixa stili e culture diverse.

La zona, Chelsea, è una delle più belle di New York. Ci sono le gallerie d’arte più interessanti di Manhattan, i concept store più innovativi e la vecchia ferrovia sopraelevata, la High Line, ora trasformata in un una passeggiata piena di fiori e di piante. Non è un caso quindi che l’Hotel Americano, il primo negli Stati Uniti del Grupo Habita, sia stato aperto qualche anno fa proprio in questo district che, durante la design week, ospita venti e appuntamenti da non perdere.

Hotel Americanotumblr_lubb9gxwEx1r2doe0o10_r1_1280 Hotel Americano

L’albergo, un edificio di 10 piani in vetro rivestito da una rete metallica, è stato progettato del pluripremiato architetto messicano Enrique Norten. Mentre le 56 stanze sono state progettate dal designer francese Arnaud Montigny, lo stesso che ha curato gli interni della boutique parigina Colette. Nella scelta degli arredi, per le camere e le sale da bagno, l’interior designer ha voluto riproporre quella sobria eleganza dello stile giapponese, con letti futon in legno chiaro, luci dai colori caldi e uno stile molto minimal per i complementi.

tumblr_lubb9gxwEx1r2doe0o7_r1_1280 Hotel Americanotumblr_lubb9gxwEx1r2doe0o3_r1_1280 Hotel Americano

Stile metropolitano invece nella lobby e nella zona pranzo, con divani di pelle nera, poltroncine in velluto nelle tinte cachi, punti luce in metallo brunito e quinte divisorie in cemento. Ci si sposta nella sala bar e lo stile cambia ancora: il bianco del bancone, delle sedute e delle lampade a terra contrasta con la tinta senape del soffitto e con le pareti in metallo, decorate con fori in stile anni ’70.

LA-PISCINE-8 Hotel Americano

Nel ristorante, guidato dallo chef Andrés Grundy, viene proposta una cucina fusion con ricette francesi e interessanti interpretazioni di piatti tipici dei paesi latino-americani. E per chi preferisce un cocktail all’aria aperta, lungo la facciata esterna dell’hotel un ascensore a vetri conduce al rooftop, con grande terrazza panoramica, un’area lounge, piscina e una vista mozzafiato sullo skyline newyorkese.

53db03e26dec627b14a12f12_hotel-americano-new-york-new-york-1-113150Hotel Americano – Montigny, responsabile dello studio degli interni, ha specificato che l’arredamento comprende pezzi Arflex, BBPR, Cappellini, Cini Boeri, Flos, Fritz Hansen & Fieno e molti altri.

hotel-americano-lounge-M-02Hotel Americano – Il PK25 hair è stata progettata nel 1951 da Poul Kjærholm (1929-1980). La cosa più incredibile di questa sedia è che è fatto con un telaio in acciaio complesso continuo che è piegato in un unico pezzo, senza giunture e connessioni. Un pezzo di metallo, tagliati in modo preciso, non vi è alcuna necessità di viti o tasselli.

Hotel AmericanoHotel Americano – Sedie di BBPR per Arflex e Void pendenti di Tom Dixon

Hotel AmericanoHotel Americano – Hay Hee bar sgabelli da Hee Welling

Hotel AmericanoHotel Americano – Allegro luce  disegnata da Atelier O i per Foscarini

Hotel BedroomHotel Americano – Glow bal l da Jasper Morrison per Flos

Tutte le immagini dell’hotel per gentile concessione di  Hôtel Americano
Immagini del prodotto per gentile concessione di Discover & Deliver 

www.hotel-americano.com 
www.ten-arquitectos.com
www.mch-montigny.fr