Web 4.0 quali novità?

Da quando è stato inventato nel 1989 da Tim Berners Lee, il World Wide Web si è sempre più evoluto, cambiando se stesso e il mondo reale. Da quando è stato messo online il primo sito web la sua espansione non si è mai fermata e nel 2014 si è superato il miliardo di siti web nel mondo. Andiamo ora ad esaminare quali sono le quattro fasi in cui viene solitamente classificato il web.

 

WEB 1.0

Dal 1990 al 2000, gli anni del cosiddetto Web 1.0, sono stati gli anni dei soli contenuti, i siti web presenti erano statici e gli unici che potevano modificare i contenuti erano i webmaster, i soli a possedere strumenti e conoscenze tecniche in merito. Gli utenti non potevano interagire con le pagine, ma solamente usufruire dei contenuti che gli venivano mostati all’interno della pagina.

 

WEB 2.0

Dal 2000 al 2006 si parla invece di Web 2.0, l’utente non si limita più a usufruire dei contenuti, ma può ora anche interagire con essi. I siti web non sono più statici ma dinamici. Acquista grande importanza il modo di condividere i contenuti e la partecipazione degli utenti alla loro creazione diviene fondamentale, è in questa fase infatti che si diffondono Blog, Forum, Wiki e Social Network.

 

WEB 3.0

Dal 2006 invece si è cominciato a parlare di Web 3.0 e il focus è sulla semantica e sui dati. Tra le varie innovazioni che prendono piede in questo periodo c’è per esempio l’intelligenza artificiale, ossia un software che è anche in grado di interagire con l’utente. Un’altra grande novità è il web semantico, che connette i contenuti del web tramite analisi automatiche sul loro significato. Inoltre è stata introdotta anche la possibilità di usare internet come un enorme database.

 

WEB 4.0

Recentemente si è iniziato invece a parlare di Web 4.0, in cui notevole importanza assumo i Big Data. L’idea fondamentale alla base è che il Web diventi sempre più uno strumento di servizio per aiutare le persone a raggiungere i loro obiettivi. Tra i vari fattori tecnologichi che potrebbero prendere piede o che lo stanno già facendo ci sono la relatà aumentata e nuove interfacce con cui interagire, come ad esempio la domotica o le macchine intelligenti. Grazie a queste nuove tecnologie si crearà sempre di più un vero e proprio alter ego digitale.

Di preciso non si sa ancora cosa ci aspetterà in futuro ma quello che si può ipotizzare è un mondo in cui ci saà sempre più controllo dell’informazione, che non si limiterà al mondo digitale, ma che potrà anche intaccare la realtà che ci circonda.

Share it