Intervista all’artista Justin Mays

Justin Mays artista e grafico

Lo stile creativo di Mays poggia la sua essenzialità nel metodo paranoico critico di Salvador Dalì e, partendo da un’immagine reale, porta il pubblico a immergersi in una specifica realtà concettuale per coglierne lo spirito e l’essenzialità.

Una delle peculiarità di Justin Mays è la tecnica attraverso cui realizza le sue opere, ovvero l’iPhonography: tutte le sue illustrazioni e i suoi collage infatti sono realizzati tramite iPhone, App e suite di software di grafica utilizzabili direttamente dal dispositivo touch.

I lavori di Justin Mays sono prevalentemente collage surreali, in cui compaiono elementi naturali che si combinano con la geometria – il linguaggio sacro dell’universo, secondo la sua lettura – e a donne che vengono direttamente dall’iperspazio, ma che tradiscono una storia lontana da raccontare. Mays usa collage digitali e glitch art per creare composizioni psichedeliche, visivamente esplosive e colorate ed è in grado di mixare il mondo retrò con una realtà iper moderna, a tratti futuristica, il tutto in toni pop, eppure distorti, folli e audaci. Sfumature che appartengono a questo lavoro e che portano Mays a far immergere lo spettatore dentro l’universo essenziale di Ypsigrock.

Nome: 
Justin Mays

Età: 
35

Data di nascita: 
23/03/1981

College: 
Art Institute di Fort Lauderdale

Attività:
Artista

Colore preferito: 
Ciano

Libro Preferito: 
Ender’s Game

Film Preferito:
Inception, Interstellar, Il ritorno dello Jedi, Drive

Cibo preferito:
Colazione Burrito / Formaggio americano bianco

Citazione preferita:
“Io non prendo droghe. Io sono una droga.” – Salvador Dalì

Perché sei un artista, e quando hai iniziato? 
Sono sempre stato un artista, per quanto posso ricordare, mia madre era insegnante d’arte quindi sono cresciuto nell’arte. E ‘solo una parte della vita per me.

Possiamo parlare un po ‘del tuo processo all’inizio di un progetto? Come fai a concepirlo? Come fai a costruirlo nella tua mente prima di iniziare? 
A volte ho un’idea e la realizzo esattamente come l’avevo immaginata. Ma a volte prendo un’immagine e la lascio parlare. Diventa una specie di processo organico di crescita.

Qual è il miglior consiglio che ti hanno dato?
Ognuno sà dove vuole andare.

Soffri per la tua arte?
Io non la penso così.

Come ti definiresti come artista? 
Mi piace inserire il mio pubblico nel mio lavoro e mi piace avere un tema spirituale nella maggior parte delle mie opere.

Cosa ti ispira a lavorare?
Le persone che danno luce al mio lavoro.

Usi un sacco di simboli nel tuo lavoro. Raccontano storie o sono semplicemente elementi decorativi del progetto? 
La maggior parte della simbologia è spiritualmente legata alle geometrie sacre.

Quali artisti famosi ti hanno influenzato, e in che modo? 
Salvador Dalì con il surrealismo, mi ha sempre ispirato. Anche William Blake ha alcune opere religiose che incutono un timore che ho sempre invidiato.

Quali altri interessi hai al di fuori dell’arte? 
Mi piace la fotografia, nel mio tempo libero o quando sono in viaggio.

Sembri essere molto informato sulla storia delle opere. Dove stanno andando secondo te i film le mostre fotografiche o le perfomances d’arte oggi? 
Vedo tutto trasferirsi in una torsione digitale. La tecnologia sta aprendo le porte ad un mondo magico tutto nuovo, per i creativi è un momento fantastico.

Come cambierebbe la tua vita, se non ti fosse permesso di creare arte? 
Questo è impossibile.

Quali sono i tuoi prossimi progetti? 
Ho qualcosa di potenzialmente enorme tra le mani, per la mia carriera artistica, ma non posso parlarne ancora.

Instagram.com/maysgrafx 
www.cargocollective.com/maysgrafx 
www.maysgrafx.com

 

via (tradotto): www.klassikmagazine.com